Skip to content
Tavola disegno 2

S’andava con l’asino o in bicicletta a raccogliere in giro i bidoncini del latte.

Quando una famiglia è unita si possono realizzare cose impensabili. Ma mai senza sacrifici

Alzarsi presto, viaggiare, studiare, cercare di superarsi restando fedeli alle proprie radici, alla cura del consumatore e al compito etico e sociale di rispettare l’ambiente. Ci chiedono come fa una famiglia di artigiani, dal piccolo caseificio di Campobasso aperto nel 1963, a portare oggi i propri latticini sui banconi dei supermercati. Ecco, basta sapere che un caseificio richiede lavoro e attenzioni 24 ore al giorno e che i Sassano sono di quelli che non dormono mai.

PAPÀ NICOLA È STATO UN PIONIERE NEL MONDO CASEARIO MOLISANO.

Il suo pallino è sempre stata la qualità, legata sia alla bontà del prodotto, sia all’igiene del latte. Ha messo a frutto molto presto la specializzazione di mastro casaro acquisita in terra casertana, indirizzando l’intera famiglia sulla strada dei latticini.

E mamma Marianna è una di quelle donne che quando credono che un sogno possa avverarsi, lo sostengono con sacrifici esemplari.

Tavola disegno 3

Papà regalò i primi frigoriferi agli allevatori per conservare meglio il latte.

I due fratelli hanno respirato fieno e bevuto latte sin dall’infanzia era quindi naturale che prima o poi si trovassero a guidare l’azienda e a farla crescere fino a farne un caseificio all’avanguardia con un brand solido e rispettato.

Concetta porta in dote gli studi di tecnologia alimentare, Francesco l’esperienza indomita nel mondo della distribuzione, così il marchio Sassano parte nel 1996 alla conquista del mercato italiano. Alla base il saper fare, un latte freschissimo e la lavorazione immediata secondo la ricetta della tradizione.

Filare

Cagliare, filare e poi vendere: ecco la nostra giornata dall’alba al tramonto.